Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for ottobre 2007

flickr-foto.jpg

Vi voglio parlare di un episodio venuto fuori poco tempo fa, ma che considero degno di riflessione.

La foto qui sopra è una foto presa da Flickr, servizio di hosting fotografico di cui ho già parlato. E’ stata scattata e messa su Flickr con una licenza Creative Commons che permetto l’utilizzo di essa a fini commerciali solamente nel caso si espliciti l’autore di essa. Qui entra in scena la Virgin, multinazionale con interessi in mille campi. Il provider telefonico australiano Virgin Mobile ha visto la foto in questione su Flickr e l’ha utilizzata per creare questo cartellone qui sotto:

dump-your-pen-friend.jpg

Nell’angolo in basso a sinistra c’è scritto l’autore (o meglio il suo indirizzo su Flickr).

Nella teoria quello fatto da Virgin Mobile è una cosa del tutto legale, dal punto di vista etico non tanto: l’autore non è stato contattato in precedenza. Per di più il soggetto della foto non è l’autore, ma una ragazza di 16 anni del Texas. La famiglia della ragazza protagonista dello scatto ha deciso di denunciare la Virgin Mobile per lesione della provacy, ma difficilmente riuscirà a vincere.

Questo fatto fa riflettere:

– Le multinazionali hanno finalmente deciso di utilizzare gli User Generated Content, con un risparmio di risorse incredibile.

– Gli User Generated Content non sono al sicuro come si credeva. Difatti spesso non si conosce la licenza del materiale che poniamo in rete. Su Flickr è pre-impostata una licenza abbastanza libera, e pochi utenti la cambiano, spesso anche solo per ignoranza.

Risultato: Internet cresce, le multinazionali anche.

Annunci

Read Full Post »

Un’impresa da Dio

Evan Almighty

Ieri sera sono andato a vedere “Un’impresa da Dio”, film spacciato come seguito del fortunato, ma non bellissimo, “Una settimana da Dio”. Dico “spacciato come seguito” perché in verità non è in seguito, ma un film che si svolgerebbe dopo il primo, ma cambiando protagonista e contesto.

L’anchorman Evan Baxter (Steve Carell), rivale di Jim Carrey nel primo film,viene eletto deputato e si trasferisce da Buffalo in una cittadina borghese vicino a Washington. Mentre comincia a capire i giochi di potere del Congresso, viene incaricato da Dio (sempre Morgan Freeman) di construire un’arca. Questa è la situazione in cui si svolge il film, non vi racconto la fine per non rovinarvi la sorpresa, ma dico solo che ovviamente i buoni vincono e i cattivi (John Goodman) perdono.

Nonostante non pretenda molto, il film mi è piaciuto molto più del precedente “Una Settimana da Dio” per vari motivi: innanzitutto il protagonista è ben diverso da quello del primo film, in questo episodio cerca di stare lontano dal compito assegnatogli, finchè non capisce cosa deve fare. Lo spettatore si immedesima di più in Steve Carell che in Jim Carrey, nonostante possa sembrare il contrario visti i presupposti del primo film. Questo film non pretende di insegnare molto, non ha bisogno della morale finale tiratissima. In generale mi sembra sia molto più riuscito del precedente.

Ovviamente non è un film impegnato, intelletuale o artistico, però ogni tanto ridere un po’ fa bene.

Read Full Post »

Luna a Vinadio

Due settimane fa ho rivisto Garden State, film di cui ho già parlato in questo post, e ho deciso di scaricarne la colonna sonora.

Avendo visto il film sapevo a cosa andavo incontro: un mix di musica molto calma e riflessiva, un po’ come tutto il film. Fatto sta che ho cominciato ad ascoltare musica molto simile in queste ultime due settimane. Dapprima Coldplay, poi tantissimo Iron & Wine, ed infine Simon & Garfunkel. Tre artisti presenti nella colonna sonora del film, ma soprattutto tre artisti che fanno musica molto simile per alcuni aspetti e molto diversa per altri.

I Coldplay hanno il tipico stile del rock inglese, però le loro canzoni sono molto lente e introspettive, fanno abboandante uso di pianoforte e non si possono classificare esattamente come rock.

Iron & Wine probabilmente non in molti lo conoscono, ma secondo me è un artista veramente eccezionale. Mi ricordo quando Ernesto lo ascoltava e diceva che era la musica più emotiva che avesse mai sentito. Che portava un senso di malinconia. Come genere si potrebbe caratterizzare come una specie di country, molto melodico e leggero, con una voce quasi sussurrata.

Simon & Garfunkel sono molto conosciuti per alcuni pezzi diventati famosi, ma il loro inconfondibile stile molto melodico, spesso a più voci, è rimasto una loro caratteristica. Secondo me è bellissima “the only living boy in New York”, tratta dalla colonna sonora sopra citata. E’ veramente una canzone che fa saltare subito in mente ricordi del passato.

Vi consiglio assolutamente di ascoltare la colonna sonora e soprattutto questi tre artisti. Se volete conoscere Iron & Wine sotto posto il video di “naked as we came”.

Buonanotte.

Gabbo

Read Full Post »

Coffee

Coffee

Torno a scrivere sul blog dopo molto tempo, dato che ho ricevuto un po’ di pressioni per riprendere.

Soprattutto vedendo che l’ultimo post narrava del mio ritorno al poli, poteve sembrare che io fossi morto al poli. Non è così. Sono vivo. Però devo ammettere che questo periodo didattico mi sta un po’ spompando. Soprattutto Interfacce Grafiche. In pratica si tratta di programmare in Java delle finestre (e fin qua è interessante) e di programmare anche tutto quello che sta dietro (e qui non è bello). Sarà che a me non piace, sarà che non ci hanno mai insegnato bene, ma io non ce la faccio a programmare. Non ho la testa da programmatore. NON SONO UN INGEGNERE INFORMATICO. A questo punto cerco di tirare avanti cercando di capire cosa ci spiega Fedone (sia sempre lodato il ragazzo complimenti).

A me non piace programmare, tanto più che le basi non ce le abbiamo. Abbiamo fatto direttamente Java con due basi di php nel cervello. Java è un termine gergale inglese per caffè. Deriva dal fatto che il caffè giungeva dall’isola di Giava, in Indonesia. Io so solo che dopo che ho cercato di programmare per due ore, avrei bisogno di ben più di un caffè. Ma purtroppo quando finisci di programmare hai mille altre cose da fare. Ormai aspetto solo che passi questo esame, perché ne ho abbastanza.

Read Full Post »