Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Garden State’

Luna a Vinadio

Due settimane fa ho rivisto Garden State, film di cui ho già parlato in questo post, e ho deciso di scaricarne la colonna sonora.

Avendo visto il film sapevo a cosa andavo incontro: un mix di musica molto calma e riflessiva, un po’ come tutto il film. Fatto sta che ho cominciato ad ascoltare musica molto simile in queste ultime due settimane. Dapprima Coldplay, poi tantissimo Iron & Wine, ed infine Simon & Garfunkel. Tre artisti presenti nella colonna sonora del film, ma soprattutto tre artisti che fanno musica molto simile per alcuni aspetti e molto diversa per altri.

I Coldplay hanno il tipico stile del rock inglese, però le loro canzoni sono molto lente e introspettive, fanno abboandante uso di pianoforte e non si possono classificare esattamente come rock.

Iron & Wine probabilmente non in molti lo conoscono, ma secondo me è un artista veramente eccezionale. Mi ricordo quando Ernesto lo ascoltava e diceva che era la musica più emotiva che avesse mai sentito. Che portava un senso di malinconia. Come genere si potrebbe caratterizzare come una specie di country, molto melodico e leggero, con una voce quasi sussurrata.

Simon & Garfunkel sono molto conosciuti per alcuni pezzi diventati famosi, ma il loro inconfondibile stile molto melodico, spesso a più voci, è rimasto una loro caratteristica. Secondo me è bellissima “the only living boy in New York”, tratta dalla colonna sonora sopra citata. E’ veramente una canzone che fa saltare subito in mente ricordi del passato.

Vi consiglio assolutamente di ascoltare la colonna sonora e soprattutto questi tre artisti. Se volete conoscere Iron & Wine sotto posto il video di “naked as we came”.

Buonanotte.

Gabbo

Read Full Post »

Garden StatePenso che molti di voi conoscano Zach Braff, protagonista della serie comica Scrubs. Il nostro caro giovanotto, dopo aver diretto alcuni episodi della serie, si è dedicato al cinema. Dapprima come protagonista del remake americano del bellissimo “Ultimo Bacio” di Muccino, poi come scrittore, regista e protagonista del film “La mia vita a Garden State”. Il film è passato praticamente inosservato nelle sale italiane, a torto perchè si può considerare un piccolo film, ma molto interessante.

La maggior parte del budget a disposizione di Braff è stato speso per avere la collaborazione di due attori di fama mondiale come Natalie Portman e Ian Holm, ma il film in sé non risente del basso costo. La trama è incentrata sulla figura di Andrew Largeman (Braff) un giovane apatico originario del New Jersey che lavora a Los Angeles, il quale torna al suo paese d’origine per il funerale della madre. Nel New Jersey trova tutti i suoi vecchi amici e il padre (Ian Holm), con il quale ha sempre avuto un rapporto burrascoso. Proprio grazie ad un suggerimento del padre, Andrew incontra una ragazza di nome Sam, molto svitata ma che sa far mettere la testa a posto ad Andrew. Col passare dei giorni Andrew racconterà degli episodi della sua vita a Sam, rendendo lo spettatore (ignaro anche lui) partecipe della sorpresa della ragazza.

Penso che il film, nonostante non abbia fatto clamori, sia molto ben fatto, con una costante scoperta dell’infanzia del protagonista che rende consapevole lo spettatore piano piano del perché si trovi in quella situazione di vita. Sicuramente non si può vedere partendo dello sterotipo di Braff stile Scrubs, perché qui il personaggio si rovescia e ci si trova davanti ad un’opera matura e degna di lode.

Ve lo consiglio assolutamente!

Read Full Post »