Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for luglio 2007

Alzi la mano chi non si dopa

C’era una volta il Tour de France, la corsa ciclistica più importante al mondo: traguardo della stagione, la più ambita, la più sognata.

Esiste poi il Tour 2007, dove ogni giorno si vive un’emozione nuova: solo che molte sono sorprese negative. Atleti dopati, che commettono scorrettezze a destra e manca… tanto che l’attenzione si è spostata dalle tappe vere e proprie alle vicende giuridico sportive.

Il Tour 2006 è tuttora senza un vincitore a causa della positività ad un test anti doping di Floyd Landis, vincitore sulli Champs Elysees. Il Tour 2007 si ritroverà domani con un vincitore (Alberto Contador) che l’anno scorso non ha partecipato per coinvolgimenti con “l’operacion Puerto”. I due big, coloro che hanno vestito di più la maglia gialla in questa edizione, Vinokourov e Rasmussen si sono fermati per motivi diversi.

Vinokourov

Il primo è stato trovato in un test con sangue non suo, ma compatibile, nelle vene. Le trasfusioni (per aggiungere globuli rossi e quindi ossigenare) sono ovviamente illegali per cui Vinokourov è stato squalificato, e la sua squadra si è ritirata.

RasmussenRasmussen non è stato trovato positivo all’antidoping, ma ha suscitato subito malumori la sua presenza in maglia gialla. Rasmussen “è stato ritirato” dalla squadra perché non avrebbe rispettato le regole interne di essa. In pratica aveva lasciato detto alla squadra e alla federazione che a Giugno si sarebbe allenato in Messico. Piccolo problema: Davide Cassani (ex-ciclista e attuale commentatore RAI) lo ha pizzicato alle Dolomiti a metà giugno che si allenava duramente. Facendo così Rasmussen ha saltato i controlli anti doping a sospresa della federazione, oltre ad aver mentito alla squadra. Di qui la decisione di allontanarlo dal Tour.

E questi sono i due big. Il terzo (il più bello) è il caso di Cristian Moreni, ciclista nostrano, risultato positivo al testosterone. Prima della partenza di una tappa, molte squadre si erano radunate e avevano fatto un sit-in di protesta contro il doping, compreso Moreni e la sua squadra. Alla fine della tappa, Moreni viene squalificato per uso di testosterone. Va beh…

Possiamo almeno consolarci con le emozioni della cronometro odierna (penultima tappa) che ha decretato Contador vincitore con soli 23 secondi su Evans e 31 secondi su Leipheimer, vincitore della tappa odierna. Penso che mai si sia visto un podio con distacchi tanto ridotti. Ma questo Tour non fa testo, ormai ci ha abituato alle stranezze…

Sinceramente penso che questo sport sia pieno di doping fin dai livelli più bassi, ma che dietro ci sia un’omertà tra squadre e corridori difficile da abbattere.

Annunci

Read Full Post »

Cast Away

Locandina di Cast Away

Ieri sera mi son trovato a rivedere un film di qualche anno fa: Cast Away di Robert Zemeckis.

Guardandolo ad anni di distanza dalla prima volta, l’ho trovato veramente ben fatto sotto molteplici punti di vista: regia, fotografia, montaggio, ma soprattutto sonoro. In un film di questo tipo (dove per la maggior parte del tempo il protagonista non parla) è fondamentale mettere in risalto i suoni che circondano il personaggio, e mi sembra che questo sia assolutamente fatto nel modo migliore, con effetti sonori veramente ben fatti. Difatti molte scene sono state girate in studio, per cui gli effetti sonori sono stati creati e aggiunti in fase di post-produzione.

Ottima la recitazione di Tom Hanks (secondo me miglior attore in circolazione), che si merita la nomination all’Oscar per poi perderlo contro il “gladiatore” Russel Crowe (che tristezza). Devo dire che, nonostante molti lo considerino noioso, è un film molto emozionante, in cui lo spettatore si immedesima in modo quasi perfetto con il protagonista. Probabilmente chi lo trova noioso è perché è abituato a vedere solo film d’azione… Zemeckis si conferma veramente grandissimo regista, capace di variare tema spessissimo senza perdere di qualità.

Se non lo avete ancora visto rimediate!

Read Full Post »

Flickr!

Laghetto

Come alcuni avranno già notato, ieri ho aggiunto nella barra a destra del blog una finestrella con delle foto.

Cliccando su esse, si aprirà la mia pagina personale di flickr, con alcune delle foto da me effettuate in giro per il mondo (per quanto abbia girato il mondo…) . Ovviamente sono solo una selezione delle migliori, perché metterle sarebbe incasinato e lungo, inoltre non è detto che tutte le mie foto siano bellissime, anzi…

Vi invito a sfogliarle tutte, e darmi un giudizio…

Se avete account su Flickr o simili, scriveteli!

Read Full Post »

Gareggiando per il mondo

Real World Racer

Ho scoperto da poco un giochino online interessante, interamente funzionante sulle mappe di google earth, si chiama Real World Racer.

E’ un semplicissimo gioco di guida in 2d, basato sui percorsi creati da google earth: alcuni di essi sono già disponibili, altri possiamo crearli noi. Per crearne uno il gioco sfrutta le indicazioni stradali fornite da google, per cui si possono inserire anche indirizzi precisi. Il problema è che funziona solo con zone aventi immagini ad altà qualità.

Il gioco in se è veramente squallido, bisogna passare per tutti i checkpoint e arrivare per primi, ma tanto la nostra macchina è molto più veloce delle altre. L’idea in se è però molto interessante, una persona può organizzare una gara sotto casa sua oppure in pieno deserto.

Provatelo e divertitevi!

Read Full Post »

Sant’Anna di Vinadio

Falò

Come promesso nel precedente post, sono tornato oggi da Sant’Anna di Vinadio, in provincia di Cuneo, dove sono rimasto per 19 giorni con i ragazzi del mio oratorio. Dato che molti lettori del mio blog non conoscono questo aspetto della mia vita, ci tengo a informarli.

Frequento dal lontano anno 2000 l’oratorio Onda Giovane Salus, prima come semplice ragazzo e poi, dal 2005, come animatore. Ogni anno l’oratorio dal 4 al 19 luglio organizza un cosiddetto “campeggio” estivo a Sant’Anna di Vinadio, santuario a 2000 metri di altezza, per ragazzi dalla 4°/5° elementare in su.

In questi 15 giorni la maggior parte del tempo è occupata dai giochi organizzati: per tutta la durata del campeggio 4 squadre si sfidano nei vari giochi previsti. Altre giornate sono riservate a scarpinate sulle bellissime montagne sovrastanti Sant’Anna. L’ultima sera si svolge un grande falò finale come conclusione del campeggio.

Dato che l’oratorio è salesiano, noi animatori teniamo due incontri giornalieri per favorire la crescita personale e spirituale dei ragazzi. Questi incontri si svolgono divisi per gruppi di età. Io animo da tre anni un gruppo chiamato Gruppo Arcobaleno, che questo’anno frequentava 5° elementare e 1°media, il mio obiettivo è di portarli avanti negli anni facendogli da guida e vederli un giorno animare anche loro un gruppo.

Se avete osservato bene quello che ho scritto, il campeggio termina il 19 luglio. I restanti 4 giorni (anche detti terza settimana) sono riservati agli animatori ed ai gruppi più grandi per svolgere esercizi spirituali e riposarsi dalla fatica delle due settimane precedenti.

Probabilemente parlerò ancora in altri post dell’oratorio e di Vinadio, quindi concludo dicendo che oggi sono tornato stanco, ma veramente pieno di gioia nel cuore, di aver passato una ventina di giorni veramente indimenticabili.

In copertina: Mia foto del falò di Viandio 2005.

Read Full Post »

Torno Subito

Torno Subito

Domani, appena registrato (spero) l’esame di analisi parto per quel di Sant’Anna di Vinadio a fare il campeggio estivo dell’oratorio. Prima però tappa a Cuneo a salutare Fedone…

Il blog riprenderà gli aggiornammenti al mio ritorno, il 23 luglio.

Read Full Post »

Casino Royale

Qualche giorno ho visto Casino Royale, ultimo film di James Bond uscito al cinema, anche se è un remake di un antico Casino Royale di molti anni fa. Sinceramente devo dire che non mi è piaciuto. E’ vero che si tratta di un antefatto alla carriera di James Bond, ma trovo che abbia perso molti dei tratti distintivi del personaggio.

Il James Bond originale (quello di Connery, Moore e Brosnan) ha un modo di fare completamente diverso. E’ una persona raffinata in praticamente tutto, ha uno humour sottile inglese, si veste con classe, e raramente uccide. Quello che mi si è presentato davanti (a parte il fatto che Craig abbia una faccia da duro, che non si addice a James Bond) è un personaggio completamente diverso. Il fatto che giochi a poker non basta per farne una persona raffinata. Il Bond di Daniel Craig uccide tantissimo e a caso, non è molto raffinato e non si veste in modo impeccabile come gli altri.

Se il protagonista fosse stato un personaggio qualsiasi sarebbe stato un buon film d’azione, ma il fatto che si tratti di James Bond fa abbassare il mio giudizio personale di molto.

Read Full Post »

Older Posts »