Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Ratatouille’

Mi sono messo a dare un’occhiata al mio profilo di filmscoop, sito di cui ho parlato precedentemente. Volevo capire i voti che avevo dato ai film usciti recentemente, per cui mi son preso tutti quelli dal 2007 ad oggi e ho guardato i voti, stilando una classifica. Il risultato è un indice di gradimento di tutti i film che ho visto usciti nell’ultimo anno e mezzo. Ci sono qualche sorprese rispetto a quanto credevo di vedere in classifica, ma diciamo che le prime posizioni in classifica rispecchiano molto quanto sia giusto.

Ma bando alle ciance, ve la metto qui sotto. Per comodità posto solo i primi 10 risultati:

1. Juno   10,0
1. Ratatouille  10,0
3. Non è un paese per vecchi   9,0
3. Grindhouse – a prova di morte   9,0
5. Zodiac   8,0
5. Mio fratello è figlio unico   8,0
5. La ricerca della felicità  8,0
8. Tutta la vita davanti  7,5
8. La promessa dell’assassino  7,5
8. La guerra di Charlie Wilson  7,5

Qualche osservazione: se potessi avrei dato a Juno un voto superiore, per distinguerlo da Ratatouille ma non posso. Anche se il grande film pixar si becca un bel 10 lo stesso. Al terzo posto a pari merito, ci sono due film a mio parere molto simili sotto molti aspetti. Anche se uno di essi ha ricevuto ottima critica e l’altro il contrario. Nelle posizioni più in basso compaiono i film italiani (strano, di solito non mi attirano tanto), segno che in mezzo ai vanzina qualcosa di decente sta venendo fuori.

Non pubblico le ultime posizioni (quelle sotto il 6) ma dico solo che il nome più importante della zona è “Into the wild”, acclamato su più fronti, ma che è riuscito a deludermi in pieno. E’ un peccato.

Spero che alcuni si trovino abbastanza con questa mia classifica, perché vorrebbe dire che al mondo di gente che capisce il cinema ce n’è…

Read Full Post »

Ratatouille

Ieri sono andato per la seconda volta al cinema a vedere Ratatouille, nuovo capolavoro della Pixar Animation Studios. Guardando indietro nella mia vita sono veramente poche le volte che ho visto un film due volte al cinema. Probabilmente le altre volte era dovuto a uscite con compagnie. Stavolta sono tornato perché volevo rivederlo, e gustarmi tutto quello che mi ero perso la prima volta. Cosa è successo fra le due visioni? C’è stata la View Conference.

La View Conference (ex Virtuality) è una conferenza internazionale sulla Computer Graphic che si tiene ogni anno a Torino. Quest’anno ho deciso di partecipare tutti e quattro i giorni, nonostante fosse in piena pausa esami, dato il programma ricchissimo (visibile sul sito). Quattro premi oscar in vari campi, quattro speaker della Pixar e le maggiori aziende di grafica 3d più qualche azienda emergente molto interessante (di cui parlerò poi) tutti insieme a Torino per quattro giorni. Inutile dire che le conferenze più gettonate fossero quelle della Pixar. In esse si è parlato moltissimo del ultima fatica della casa di produzione americana, Ratatouille (e il bellissimo corto ante-film Lifted).

Tornando al film devo ammettere di averlo trovato il più bello mai uscito della Pixar per vari motivi. In primis la storia. Ratatouille ha una storia davvero originale e per niente scontata. In essa non si ritrovano i classici personaggi stereotipati tipici della storia per bambini. Forse è per questo che mi è piaciuto molto. Ratatouille è un film per niente infantile (al contrario del precedente Cars) e molto adatto ad un pubblico adulto.

Tecnicamente è un gioiello. Quando la Pixar si mette a far le cose, le fa proprio bene. Livello di dettagli altissimo, paesaggi emozionanti, pelliccia dei topi perfetta, movimenti realistici e veramente fluidi. Ma soprattutto il cibo. Il cibo (probabilmente il vero protagonista di Ratatouille) è realizzato alla perfezione, veramente realistico e soprattutto fa venire voglia di mangiarlo, l’effetto è riuscito grazie all’enorme contributo di giochi di luce e di colori. Opera di Sharon Calahan, direttrice fotografia del film e presente alla View Conference.

Il film (per chi non lo avesse ancora fatto) è sicuramente da vedere. E soprattutto al cinema.

Read Full Post »